Al Count Basie Jazz Club espone Angela Furciniti

 

Angela Furciniti si specializza in un tipo particolarissimo di fotografia, quella descrizione spirituale chiamata “cloudscape” che deriva direttamente da Jacob Van Ruisdeal e dalla luce intensa di John Constable. La serie “Equivalent” di Alfred Stieglitz è la frontiera più vicina all’approccio dell’artista – filosofo che sfrutta anche i concetti matematici per aprire il Sé alla visione soggettiva di un paesaggio universale; d’altronde è la natura a regalarci la realtà più suggestiva con formazioni che sembrano vere e proprie installazioni transitorie.
Infatti, che si tratti di campiture d’azzurro sereno o di orizzonti bagnati dal tramonto, l’accento del discorso è sempre sull’aspetto effimero dell’esperienza. Le visioni aeree nascono dalle possibilità tecniche di realizzazione, ripartendo da dove si erano fermati i Futuristi dell’Aeropittura. Tra cumuli, nembi e cirri, una singola nuvola o la scia lasciata da un velivolo richiamano il tema dell’unicità dell’individuo, che nasconde una serie di riflessioni sull’etica e sul senso della vita, proprio come avviene nelle opere di Ralph Steiner o di Hiroshi Sugimoto e Yukikazu Ito.
Ingrandendo il panorama sotto il cielo, si trova la fascinazione di scatti capaci di catturare il legame deterministico dell’uomo con il territorio, connotando i luoghi in maniera univoca. È un meccanismo di appropriazione dello spazio tipico della compilazione turistica delle guide: si ricerca lo scorcio per alludere a un itinerario ampio ma qui, dal punto di vista pratico, la FOTOGRAFA utilizza angolazioni geometriche innovative che tagliano in diagonale le superfici, evidenziando la sovrapposizione di strati cromatici o tracciando nette verticalità, simbolo di un fiero recupero della memoria che genera un solido eroismo personale.

di Elena Colombo


BIOGRAFIA

“Sempre affascinata dall’arte in tutte le sue forme, dopo gli studi prettamente economici ho cercato di coniugare il percorso accademico con tutto ciò che è espressione estetica dell’interiorità umana. L’esperienza maturata presso il Settore Musei del Comune di Genova, ha ulteriormente aperto gli occhi della mia mente e del mio animo creando una combinazione di linguaggi espressivi diversi.

Ho utilizzato, recentemente, la fotografia dopo essermi cimentata nella pittura, per cercare una nuova strada espressiva e una nuova tecnica artistica ...
Tenace e determinata come suggerisce il mio segno zodiacale (capricorno) e al tempo stesso sognatrice, trovo volentieri il tempo per mettere su carta le mie emozioni... e cogliere gli aspetti di ciò che intorno a me dà emozione, spinta da un forte e autentico bisogno di comunicazione e interpretazione di me stessa … cercando di esprimere la natura delle cose e rielaborare visioni, emozioni e ricordi attraverso le forme ed i colori.

Catturare i momenti nel tempo come se fosse un unico attimo, attraverso una fusione di ciò che l’essere umano ha e di tutto ciò che lo circonda, ovvero con le cose dell’universo.

A me piacerebbe trasmettere l’immagine di quello che ho visto e “sentito” e non solo di ciò che significa per me, poiché lo scopo, poi, è dare ad ognuno la possibilità di “prendere” ciò che le cose suscitano intimamente.

Gli scatti hanno lo scopo di essere lontani dal costituire immagini della realtà, ma vogliono rappresentare soprattutto stati mentali: ovvero l’equivalente di ciò che c’è di più profondo dentro l’animo dell’uomo.
Un’immagine esprime uno stato d’animo, in modo molto più efficace e profondo, rispetto a quanto le parole riescano a definirlo.”
In natura esistono elementi che hanno dimensioni o linee che seguono delle precise proporzioni, le cosiddette “divine proporzioni”… quindi quando una persona decide di fotografare mette nell’atto della creazione dell’immagine (che secondo me non si limita solo al momento dello scatto) una sua volontà di creare qualcosa frutto del suo bisogno di comunicare, del suo gusto estetico ed ispirazione creativa.

 

Mostre collettive:
GENOVA ART EXPO 2015 - 2^ Esposizione Internazionale d’Arte Contemporanea, Satura Art Gallery - Palazzo Stella, Genova 2015.
20° CONCORSO NAZIONALE D’ARTE CONTEMPORANEA SATURARTE, Satura Art Gallery -Palazzo Stella, Genova 2015.

Mostre personali:
… fin dove arriva lo sguardo”, Satura Art Gallery - Palazzo Stella, Genova 2015.
Tra cielo e terra. Uno sguardo oltre”, Palazzo San Giorgio - loggiato, Genova 2015.

Angela Furciniti (Lamezia Terme, 1976).
e-mail: angufurc2000@yahoo.it
flickr: angyfurc2000

Count Basie - Jazz Club - Associazione culturale - Circolo Arci - Vico Tana 20r - 16126 - Genova
C.F. 95117810101 - cell. 345 2650347 - info@countbasie.it
a cura di R&P INFORMATICA GRAPHIC - copyright 2008