Chuck Berry tribute
Venerdì 08 Febbraio 2019 ore 22.00
Chuck Berry tribute
Ghost Notes
Ingresso 10 euro con tessera arci
Filippo Poli - Chitarra e voce
Alberto Casali - Chitarra e Voce
Sandro Caviglia - Basso, Voce
John Capurro - Batteria

Nato nel 1926 a Saint Louis in una famiglia molto numerosa - era il quarto di sei figli - Chuck Berry è morto 18 marzo 2017, nella sua Saint Louis.
Portentoso chitarrista e cantante dalla voce inconfondibile, l'artista ha sfondato definitivamente nel mondo discografico nel 1955. In quell'anno il re del blues Muddy Waters lo aiutò a lanciare la sua prima hit, Maybellene, seguita da altri brani molto noti come Roll over Beethoven, Sweet Little Sixteen e, soprattutto, Johnny B. Goode, uno dei suoi più grandi successi.

Chuck Berry ha rivoluzionato, a tutti gli effetti, la musica folk e popolare ed è stato uno dei pionieri della musica rock.

Il mondo del cinema deve molto a Chuck Berry, così come l'artista ha dovuto molto al grande schermo nel corso degli anni in termini di popolarità, specialmente tra le nuove generazioni.
Berry, ad esempio, è l'autore di You Never Can Tell (1964), scelta da Quentin Tarantino per una delle più iconiche scene del film Pulp Fiction (1994), quella della gara di ballo di Mia Wallace e Vincent Vega, alias Uma Thurman e John Travolta.
Non è stata da meno l'incredibile risonanza avuta dalla hit Johnny B. Good, parte del soundtrack di Ritorno al Futuro (1985). Nel film, il protagonista Marty McFly, interpretato da Michael J. Fox esegue una cover della canzone, diventando l'idolo delle folle.

 

I Ghost Notes nascono nel 1994 a Genova, precisamente nel quartiere di Teglia, da un’idea di Filippo “Macina” Poli e di Alessio “Odo” Risso, amici di infanzia ed entrambi appassionati e collezionisti di dischi rock e blues. La formazione muta nel corso degli anni e dal 1998,la band prende l’attuale assetto che prevede voce, due chitarre, basso e batteria. Nell’estate del 2010 i Ghost Notes arrivano alla formazione attuale. Con questo organico la band registra nel giugno del 2015 il primo lavoro in studio intitolato “Ghost Life” composto da 11 brani originali ed una cover.